Guida completa alla Via del Sale: consigli, percorsi e informazioni utili


Acquista su


amazon


icona streetlibstreetlib

Guida completa alla Via del Sale: consigli, percorsi e informazioni utili

Guida completa alla

Via del Sale:

consigli, percorsi e informazioni utili

  • Difficoltà: Escursionistica
  • Lunghezza: 86,6 km
  • Tempo stimato: 4 giorni
  • Località: Piemonte – Liguria
  • Guadagno di altitudine: +4.600 m
  • Perdita di altitudine: -5.000 m
  • Altitudine minima: 0 m
  • Altitudine massima: 1700 m

Via del sale

Miei prodi camminatori!

Sono Nico il Capitano dei camminatori Cretini e oggi parliamo

del trekking fra Piemonte e Liguria:

La via del Sale


20210724 173452 1

Il percorso è stato tracciato da Nico Colucci.

Il Percorso

La Via del Sale è un emozionante percorso di circa 90 km che inizia a Varzi, in Lombardia, e termina a Portofino, in Liguria. Questa straordinaria camminata trasversale attraverso l’Appennino ligure offre un’esperienza unica, combinando la bellezza delle montagne con la magnificenza del mare.

La Via del Sale è suddivisa ufficialmente in 4 tappe escursionistiche, caratterizzate da un dislivello totale di 4600 metri in salita e 5000 metri in discesa. Durante il percorso, raggiungerai un’altitudine massima di circa 1700 metri, prima di scendere verso il livello del mare, simboleggiando il passaggio tra l’entroterra montano e la costa.

Lungo la Via del Sale, avrai l’opportunità di esplorare borghi storici, attraversare boschi incantevoli e ammirare località costiere pittoresche. Questo percorso rappresenta un’occasione straordinaria per immergersi nella storia e nella bellezza naturale dell’Italia settentrionale, creando ricordi indelebili lungo il percorso.

Quando fare la Via del Sale

Siamo al di sotto dei 1700m quindi è possibile, condizioni meteo permettendo, fare questo cammino tutto l’anno (in pieno inverno solo se siete attrezzati e sapete muovervi sulla neve), i periodi migliori sono sicuramente le stagioni temperate. Puntate a inizio autunno o fine primavera, ma io personalmente l’ho fatto ad agosto e devo dire che a parte qualche tratto a bassa quota non ho sofferto molto il caldo.

Escursionisti che lo hanno percorso in settimane molto piovose mi hanno detto di aver avuto qualche problema con il fango, quindi se possibile, evitate di partire se sapete che sta per venire giù acqua a secchi tre giorni su 4.

Via del Sale

Preparasi alla Via del Sale

Il percorso è ben tracciato, non sono presenti tratti particolarmente esposti ma affronta comunque tappe con dislivelli notevoli quindi è importante essere discretamente in forma per affrontarli. Se siete reduci dalla Via degli Dei o dalla via Francese del Cammino di Santiago sappiate che pur essendo più breve questo cammino ha tappe più impegnative.

Come sempre vi ricordo di stare attenti al peso, evitate di mettere nel vostro zaino le vostre paure, portate solo ciò che siete sicuri di utilizzare, il resto se servirà lo recupererete per strada.

Assolutamente necessarie scarpe da trekking o trail running ed anche una bella giacca a vento per i crinali ventosi.

Per quanto riguarda l’attrezzatura non voglio ripetermi, avrete bisogno del solito equipaggiamento da cammino, se avete dubbi guardate il video: 

Se invece volete dare un’occhiata all’attrezzatura consigliata, qui trovate gli articoli che consigliamo, suddivisi per categorie e fasce di prezzo.

Scarpe per la Via del Sale

Ovviamente dipende da quando vorreste farlo, io l’ho percorso ad aprile con bel paio di Salomon XA PRO 3D non in GoreTex.

Vi dico la verità se piove il percorso si popola di pozze d’acqua e fango, quindi potreste avere bisogno di un paio di scarpe impermeabili. In estate andate pure con un paio di scarpe leggere, non servirà altro.

Come arrivare

Potete raggiungere Voghera in Treno e da lì la cittadina di Varzi è collegata con un bus di linea. Io sinceramente ho preferito passare la notte a Milano e prendere un autobus diretto da Porta Garibaldi a Varzi.

Una volta arrivati a Portofino invece potete tornare in direzione Roma raggiungendo Rapallo oppure in direzione Milano da Camogli o Santa Margherita Ligure.

Le 4 tappe della Via del Sale

Chi mi segue da un po’ sa quanto io non ami attenermi ai percorsi preconfezionati ma devo dire che questa suddivisione in 4 tappe mi piace molto, anche perché se si vuole dormire in struttura non sono poi molte le varianti possibili.

Vediamo la suddivisione ufficiale:


Tappa 1/4

 

 

  • Partenza: Varzi

  • Arrivo: Capanne di Cosola

  • Lunghezza: 20 km

  • Dislivello in salita: + 1635 m

  • Dislivello in discesa: – 540 m

  • Altitudine Massima: + 1691 m

  • Altitudine Minima: + 400 m

1 4

Scarica la traccia GPS :


Tappa 2/4

 

 

  • Partenza: Capanne di Cosola

  • Arrivo: Torriglia

  • Lunghezza: 25 km

  • Dislivello in salita: + 1060 m

  • Dislivello in discesa: – 1790 m

  • Altitudine Massima: + 1670 m

  • Altitudine Minima: + 760 m

2 4

Scarica la traccia GPS :


Tappa 3/4

 

 

  • Partenza: Torriglia

  • Arrivo: Uscio

  • Lunghezza: 23 km

  • Dislivello in salita: + 960 m

  • Dislivello in discesa: – 1324 m

  • Altitudine Massima: + 1075 m

  • Altitudine Minima: + 374 m

3 4

Scarica la traccia GPS :


Tappa 4/4

 

 

  • Partenza: Uscio

  • Arrivo: Portofino

  • Lunghezza: 18 km

  • Dislivello in salita: + 933 m

  • Dislivello in discesa: – 1354 m

  • Altitudine Massima: + 609 m

  • Altitudine Minima: + 0 m
4 4

Scarica la traccia GPS :


Se avete una certa dimestichezza con i dislivelli avrete intuito che le tappe sono faticose ma non hanno una lunghezza esagerata, non superiamo mai i 25 km giornalieri.

La prima tappa non presenta possibili punti di sosta intermedi, nel senso che a parte un possibile bivacco in tenda non si può dividere, incontriamo il paesino di Castellaro ma non molto distante dalla partenza.

La seconda tappa invece presenta un possibile punto per dividerla in due, precisamente a Casa del Romano dove è possibile dormire e mangiare.

Lungo la terza tappa beccherete qualche frazione lungo ma credo che per una sosta vera e proprio si possa optare solo per Bargagli fuoripercorso.

La quarta è già breve così ed è tutta discesa verso la bellezza del costa ligure, quindi fatela tutta di un fiato.

Possiamo concludere dicendo che l’ideale sarebbe farla in 4 giorni ma è possibile godersi di più il percorso portandola a 6 tappe. Poi naturalmente ci saranno anche gli agonisti che vorranno farla in 48ore di corsa, ma io preferisco quelli che vanno con calma. Come dico sempre, se hai fretta prendi un treno è inutile che parti in cammino.


Se volete sapere qualcosa in più sulla mia avventura c’è l’intera playlist con tutti i V-log:

Dove dormire sulla Via del Sale

Prima di aprire il discorso sul dove dormire devo specificare che è possibile sia pernottare in strutture organizzate che optare per il bivacco o per una versione ibrida delle due. Se volete dormire a Varzi avrete la possibilità di scegliere fra diverse strutture e agriturismi, davvero l’imbarazzo della scelta.

A Capanne di Cosola invece il numero di strutture ricettive diminuisce ma sul percorso troviamo l’Albergo Ristorante Capanne di Cosola con la sua nuova gestione e credo stia anche ampliando il numero di camere disponibili, quindi non dovreste avere problemi.

A Torriglia invece avete varie possibilità. L’alloggio più vicino alla città è il Molino del Lupo, mentre il Beb Villa Tiffany è leggermetne fuori percorso ma offre il servizio navetta.

Una chicca da segnalarvi invece è il Beb Case Poggio! Gestito da Giuseppe e Livia hanno una casa che sembra uscita da una fiaba e si stanno attrezzando anche per servizio Glamping, in più anche loro offrono servizio navetta, a pagamento, essendo un po’ fuori. Ma è un’esperienza che vi consiglio e li saluto con affetto.

Anche Uscio è ben fornita di beb e agriturismi quindi non avrete problemi a trovare una stanza. Come potete immaginare a Portofino vi tocca prenotare in anticipo se non volete lasciarci un rene, quindi fate una bella ricerca fra le varie strutture e beccate qualche offerta conveniente.

Strutture ricettive e contatti sulla Via del sale

Varzi

AGRITURISMO LA SORGENTE Tel. 0383.53295

AGRITURISMO LA FUGA Tel. 0383.545382

AGRITURISMO LE FRAGRANZE Tel. 0383.53462 – Cell. 328.3671609

B&B LA CORTE DI NANDO Tel. 0383.52641 – Cell. 346.2430157

Capanne di Cosola

ALBERGO RISTORANTE CAPANNE DI COSOLA Tel. 0143.999126

ALBERGO CAPANNETTE DI PEJ Tel. 0523.935129 – Cell. 347.9769455

Casa del Romano

ALBERGO CASE DEL ROMANO Tel. 010.95946

Torriglia

MULINO DEL LUPO Tel. 010.944494 – Cell. 335.8113375

B&B VILLA TIFFANY Tel. 3426262550 ​

B&B A DUE PASSI DAL LAGO Tel. 340.5011204 – Cell. 347.8204457

B&B CASE POGGIO Tel. 349 637 2913

Bargagli

B&B I TRE PINI Tel. 010.9019049 – Cell.389.342558

B&B CASA BEA Tel. 349.2454794

Uscio

ALBERGO CAPRILE TEL 0185.919735

AGRITURISMO BELL’ARIA Tel. 335.6841834

B&B LA MARGHERITA Tel. 0185.91725 – Cell. 328.7581789

B&B CA’ DA RELIA Tel. 0185.91788 – Cell. 380.1218431

B&B RIFUGIO USCIO Tel. 328.4015992

COLONIA ARNALDI Tel. 0185.919406

Rapallo

DA GREA Tel. 324 789 1328

Portofino

B&B TRE MARI Tel. 0185.269255

HOTEL NAZIONALE Tel. 0185.269575

Acqua e cibo sulla Via del Sale

Purtroppo e dico purtroppo i punti acqua non sono molto numerosi quindi state attenti alle distanze da coprire prima di partire.  La tappa peggiore sotto questo punto di vista è sicuramente la seconda, troverete acqua solo alla partenza e all’arrivo quindi fate scorta mi raccomando.

Vi consiglio l’app Locus Map o Outdoor Active da scaricare anche offline per vedere le fonti sicure.

Per quanto riguarda il cibo invece non dovreste avere problemi. Io sono sempre per la politica di comprare cose lungo il percorso, ogni tappa al suo arrivo è fornita di ristoranti e minimarket, tutti i b&b e hotel offrono un pocket lunch da portarsi dietro il giorno seguente.

Insomma di sicuro non morirete di fame sulla Via del Sale. Se proprio siete terrorizzati dal morire si stenti portate con voi un po’ di frutta secca o qualche razione di emergenza.

Quanto costa fare la Via del Sale

Questo è un capitolo dolente di questo percorso. Molto dipende da dove vorrete dormire che rappresenta la spesa maggiore. Noi lo abbiamo percorso in 2 persone, alta stagione, dormendo in strutture ad ogni tappa ed abbiamo speso circa tra i 50 e i 70 euro al giorno a testa, fra pernottamento, cena e pranzo al sacco.

Quindi per 4 giorni ci vogliono circa 250/300 euro a testa.

Il discorso cambia se decidete di dormire in tenda o bivaccare. Solo questo vi farà risparmiare circa la metà delle spese, in più se vi organizzate con cibo disidratato e rinunciate anche alla cena fuori potreste spendere davvero poco.  Però viaggiare per quanto mi riguarda vuol dire anche godersi il posto a 360 gradi e la cucina locale merita assolutamente. Se proprio dovete, risparmiate sull’alloggio ma non sulla cena.

Come orientarsi sulla Via del Sale

l sentiero è segnato per tutto il percorso come VM, via del mare, i segnalini sono i soliti rossi e bianchi del CAI.

In più vi consiglio di scaricare l’App Locus Map per android o OutdoorAcrtve per IOS, su cui scaricare la traccia GPS della singola traccia o del tracciato integrale:

 

Vi consiglio l’app Outdoor Active sia nella versione gratuita che in quella Pro o Pro+, nel caso vogliate abbonarvi ai programmi Pro sappiate che per noi Camminatori Cretini c’è la possibilità di avere uno sconto di 10€ inserendo il codice RL1XR al momento dell’acquisto, valido solo sul sito a cui vi rimanda il link.

 

Ma se proprio non vi fidate delle tracce GPX vi metto anche la guida cartacea di Gianni Amerio.


Per ascoltare questa guida nello stile del Cretino:


Se non hai molta dimestichezza con le tracce GPX e vorresti sapere come visualizzarle, ti consigliamo questo video sul nostro canale Youtube:

Condividi su

POTREBBERO INTERESSARTI

logo il cammino del cretino
Oggi pare che nessuno abbia più il tempo di fare ciò che lo rende realmente felice, che lo accende ed entusiasma: c’è sempre un impegno, un appuntamento, un mutuo da pagare, una scadenza. Rincorriamo faccende presunte improrogabili come fossero il fine ultimo della nostra vita e ci siamo dimenticati delle piccole cose, quelle che ci appagano veramente. Sentirsi felici ormai è diventato un optional, qualcosa a cui non abbiamo diritto, ci abbiamo rinunciato a priori, come se non fosse poi così importante.
dal libro Il cammino del cretino

[iub-pp-button]