Capo Caccia – Grotte di Nettuno – Torre della Pegna


Acquista su


amazon


icona streetlibstreetlib

Capo Caccia – Grotte di Nettuno – Torre della Pegna

Capo Caccia – Grotte di Nettuno – Torre della Pegna

  • Difficoltà: Escursionistica
  • Lunghezza: 10 km
  • Tempo stimato: 5 ore di cammino circa
  • Località: Capo Caccia
  • Guadagno di altitudine: +537 m
  • Perdita di altitudine: -544 m
  • Altitudine minima: 6 m
  • Altitudine massima: 265 m
  • Punti di interesse: Capo Caccia – Grotte di Nettuno – Torre la Pegna

WhatsApp Image 2022 10 11 at 19.43.23

Hai voglia di staccare dalla routine ed immergerti nel verde per un giorno?

Ti piace il trekking ma non hai la possibilità di percorrere lunghi cammini?

Vuoi fare dei test e prepararti alla tua prossima traversata? 

ONE DAY OUT

Escursioni giornaliere


20220908 081736

Camminatori! Oggi vi portiamo in una delle località più famose della Sardegna! Guadagneremo la vista panoramica sulla costa occidentale dell’Isola a due passi da Alghero. Siamo sullo sperone di Capo Caccia, partiremo proprio dalle famose Grotte di Nettuno per poi arrivare a Torre la Pegna.

Il percorso ad anello è stato tracciato da Nico Colucci.

Come arrivare a Capo Caccia

Capo Caccia dista da Alghero circa 25 km. Il modo più comodo per raggiungere il punto di partenza del percorso è sicuramente in macchina. Un piccolo parcheggio vi accoglierà all’ingresso delle Grotte di Nettuno, se arriverete prima dell’apertura delle visite non sarà difficile per voi trovare posto per l’auto.

Potete raggiungere questa località anche attraverso autobus di linea che partono sia da Alghero che da Sassari. La tratta è unica e se partirete da Sassari farete comunque un cambio autobus ad Alghero. Il servizio è potenziato durante la stagione estiva.

Il promontorio di Capo Caccia

L’area marina di Capo Caccia si caratterizza per le rocce calcaree puntellate di grotte e anfratti.

Superata la baia di Mugoni, appare una zona costiera ricca di promontori modellati dai fenomeni carsici. Sul versante orientale di Capo Caccia si apre la Grotta Verde, il cui nome si deve allo strato di muschi e licheni che ricopre le rocce dell’ingresso.

La zona di Punta del Giglio e Capo Caccia è il paradiso delle grotte sottomarine, come ad esempio la grotta di Nettuno, raggiungibile via mare o via terra dalla Escala del Cabirol, che ospita ambienti suggestivi per la presenza di stalattiti e stalagmiti.

Lasciate la visita alle grotte di Nettuno per il vostro ritorno, come la ciliegina sulla torta dell’escursione.

La grotta di Nereo è, invece, una delle grotte subacquee più famose della Sardegna, con la sua articolata struttura di gallerie e cunicoli. Qui cresce il corallo che si ramifica in rosse colonie osservabili già a 5-6 metri di profondità.

Capo Caccia - Grotte di Nettuno

Trekking per Torre della Pegna

Lasciate le Grotte di Nettuno alle vostre spalle e guadagnate subito un po’ di altezza grazie alla strada asfaltata che punta verso il faro di Capo Caccia. La zona è militare e recintata, quindi non potrete procedere fino al faro vero e proprio ma dovrete deviare sulla destra una vota arrivati al limite invalicabile.

Da questo punto inizia il sentiero vero e proprio, uno stretto passaggio che attraversa una bassa macchia mediterranea e costeggia per la prima parte la recinzione. Si procede fino a ritornare sulla strada asfaltata e una volta superato un secondo parcheggio il sentiero riparte verso quella che sarà la vera ascesa.

20220908 081736 1

L’ascesa non è proibitiva ma la bassa quota e la vegetazione che non offre punti ombra potrebbero affaticarvi più del previsto. Si sale tenendo la costa sulla sinistra, lungo quello che è segnato come Sentiero Nurra N 6

Il punto più alto, nonché la vista più spettacolare del percorso si guadagna proprio dalla torre della Pegna, antica torre di avvistamento che domina su tutta la costa. Vi consiglio di percorrere cautamente la roccia che circonda la torre verso il mare e fermarvi lì all’ombra per la vostra meritata pausa.

20220908 104743

La via del ritorno ci porta sulla costa opposta, saremo costretti a marciare su un po’ di asfalto ma potremo vedere da vicino Cala Dragunara e la Torre del Bollo. Se avete ancora gambe e coraggio prima di ritornare a casa vi aspettano i 654 scalini della Escala del Cabirol che vi porteranno dritti dritti alle Grotte di Nettuno. Buon divertimento!

Se avete dubbi sul percorso potete scaricare la traccia GPS a fondo pagina.


Per vedere il percorso nello stile del Cretino, ecco il video della nostra esperienza:


Se hai dubbi sull’equipaggiamento visita il nostro canale, troverai consigli confronti e molto altro:


Traccia GPS

Ecco la traccia del percorso integrale

Se non hai molta dimestichezza con le tracce GPX e vorresti sapere come visualizzarle, ti consigliamo questo video sul nostro canale Youtube:

Condividi su

POTREBBERO INTERESSARTI

logo il cammino del cretino
Quante volte, nell'ossessione disperata di cristallizzare un momento in una finta eternità, perdiamo l'occasione di viverlo.
dal libro Il cammino del cretino