I laghetti di Percile – Monti Lucretili


Acquista su


amazon


icona streetlibstreetlib

I laghetti di Percile – Monti Lucretili

I laghetti di Percile – Monti Lucretili

  • Difficoltà: Turistica
  • Lunghezza: 10 km
  • Tempo stimato: 3 ore e mezza di cammino circa
  • Località: Cineto Romano – Percile
  • Guadagno di altitudine: +430 m
  • Perdita di altitudine: -430 m
  • Altitudine minima: 559 m
  • Altitudine massima: 741 m
  • Punti di interesse: Parco naturale regionale dei monti Lucretili – Lago Fraturno – Rovina Morella

Screenshot 20220318 155636 Locus Map Pro1

Hai voglia di staccare dalla routine ed immergerti nel verde per un giorno?

Ti piace il trekking ma non hai la possibilità di percorrere lunghi cammini?

Vuoi fare dei test e prepararti alla tua prossima traversata? 

ONE DAY OUT

Escursioni giornaliere


Laghetti di Percile
Lago Fraturno

Camminatori! Avete voglia di un’escursione in giornata vicino Roma? Oggi proponiamo un’escursione a due passi dalla Capitale! Partiremo dalla Cineto Romano per raggiungere i laghetti di Percile in un trekking di difficoltà Turistica.

Il percorso ad anello è stato tracciato da Nico Colucci.

Come arrivare a Cineto Romano

Cineto Romano dista da Roma circa 50 km. il modo più comodo per raggiungere il punto di partenza del percorso è sicuramente in macchina. Coloro che invece vorranno avventurarsi con i mezzi pubblici, dovranno prendere un treno regionale fino alla stazione di Vicovaro e poi un autobus fino al punto di arrivo.

Parco dei monti Lucretili

Il percorso inizia su una strada carrabile non asfaltata che costeggia campi coltivati e abitazioni rurali. Lentamente la strada lascia il posto ad un sentiero costeggiato da una fitta bassa vegetazione.

monti lucretili

L’ingresso nel bosco comporta una repentino cambio d’atmosfera e di colori, dove il verde del muschio e le ombre dei faggi ci daranno il benvenuto nel Parco.

Superata una recinzione artigianale partirà il sentiero vero e proprio, che sarà scandito dall’attraversamento (facile) di bassi torrenti. Questi corsi d’acqua ci lasceranno la possibilità di una breve pausa in cui rinfrescarci con l’acqua limpidissima.

Non cadete nella tentazione di berla però, ricordate che le acque superficiali non sono mai sicure tranne se non avete con voi un filtro antibatterico o pensate di bollirla. Durante la passeggiata sentirete in lontananza dei campanacci che si faranno sempre più vicini, sono dei meravigliosi cavalli allo stato brado che si aggirano liberi per il Parco. Sono mansueti e abituati all’uomo ma ricordate sempre di non esagerare con suoni forti o movimenti bruschi, potreste infastidirli.

20220217 150510

L’unica salita degna di nota del percorso è concentrata nella parte che segue i torrenti e ci farà guadagnare la quota a cui si trova il nostro punto d’arrivo. Passeremo sul versante opposto e percorreremo una comoda cresta che ci condurrà al lago Fraturno

Godetevi la pace di questo ponto incantevole, fermatevi pure per una pausa e se volete perlustrate la strada che lo costeggia fino al piccolo rifugio e al secondo laghetto poco distante. Il posto è perfetto per un picnic o per una sosta rilassante.

Sulla via del ritorno avrete la possibilità di allungare di un breve tratto per visitare la Rovina Morella. I resti della vecchia torre sorgono su un punto che sovrasta di poco il livello del lago e che permetteva di controllare la zona limitrofa e difendersi da eventuali attacchi.

Purtroppo non possiamo proporre un percorso ad anello ma dovrete tornare sui vostri passi fino a raggiungere nuovamente Cineto Romano ripercorrendo la via a ritroso.


Per vedere il percorso nello stile del Cretino, ecco il video della nostra esperienza:


Se hai dubbi sull’abbigliamento giusto per non soffrire il freddo e rimanendo asciutti in inverno:


Traccia GPS

Ecco la traccia del percorso integrale

Se non hai molta dimestichezza con le tracce GPX e vorresti sapere come visualizzarle, ti consigliamo questo video sul nostro canale Youtube:

Condividi su

POTREBBERO INTERESSARTI

logo il cammino del cretino
...ogni uomo dovrebbe passare un po’ della propria vita per strada, non per evadere dal mondo ma per entrare in contatto con il mondo, quello vero.
dal libro Il cammino del cretino