Come lavare un sacco a pelo in piuma


Acquista su


amazon


icona streetlibstreetlib

Come lavare un sacco a pelo in piuma

Come lavare un sacco a pelo in piuma

Il sacco a pelo è un elemento dell’attrezzatura importante ed essenziale per chiunque voglia fare escursioni, trekking e attività all’aperto che prevedono di pernottare sotto le stelle.

Grazie ai sacchi a pelo possiamo restare al caldo e dormire al meglio durante le ore notturne, infatti sia d’estate che di inverno le temperature notturne possono abbassarsi di molto rispetto a quelle diurne, inoltre il nostro corpo durante il sonno riduce al minimo la produzione di calore quindi è necessario riuscire a mantenerci al caldo per dormire al meglio e svegliarci in forze per il giorno seguente. Il compito del sacco a pelo è quello imprigionare il calore ed evitarne la dispersione creando così un cuscinetto isolante.


Free Blog

for free travelers


Uno dei prodotti che possiamo trovare facilmente in commercio è il sacco a pelo in piuma, la piuma d’oca è un perfetto isolante termico, è inoltre molto leggero e facilmente comprimibile e ciò ci permette di avere a disposizione un prodotto facile da trasportare, non ingombrante ma anche utile all’occorrenza. Per poter lavare un sacco a pelo in piuma dobbiamo prestare attenzione e seguire dei passaggi ben specifici, vediamo come fare.

Per i sacchi a pelo in piuma possiamo lavarli sia in lavatrice che a mano, per essere però certi che il vostro modello sia lavabile anche in lavatrice ed evitare di rovinarlo durante il lavaggio, dovrete leggere l’etichetta riportata sul sacco a pelo. Se troverete la lavatrice sbarrata allora non vi sarà possibile usare quest’opzione, in alternativa troverete anche un’indicazione sulla temperatura giusta da applicare al prodotto.

Vediamo ora come procedere nei due differenti lavaggi:

Il lavaggio in lavatrice

Trattandosi di piuma d’oca sarà un prodotto molto delicato e per questo sarà necessario usare un ciclo di lavaggio delicato e una bassa temperatura. È bene non superare i 30° gradi, e predisporre un lavaggio lento e molto delicato, un solo giro di centrifuga a fine lavaggio è sufficiente. Per lavarlo è consigliabile utilizzare il sapone liquido, l’ideale sarebbe un detersivo pensato per lana, delicati e capi colorati. Non è necessario aggiungere l’ammorbidente.

Per asciugarlo dovrete semplicemente lasciarlo all’aria aperta senza però esporlo direttamente al sole che potrebbe danneggiarne la qualità rovinando le piume. 

Il lavaggio a mano

Sicuramente più faticoso ma molto più sicuro. C’è infatti minor possibilità, con il lavaggio a mano, di rovinare i propri sacchi a pelo.

La difficoltà maggiore risiede nel fatto che, trattandosi di un prodotto a piume d’oca, tenderà ad assorbire molta acqua e quindi a diventare molto pesante; vi resterà difficile manovrarlo in un classico lavello o lavandino, il consiglio è quello di optare per un luogo più grande ad esempio una vasca da bagno.

Procedete perciò in questo modo: riempite la vasca da bagno di acqua tiepida e aggiungete del detersivo liquido per lana, delicati e colorati. Dovrete lavare il vostro sacco a pelo al rovescio, quindi assicuratevi di girarlo prima di immergerlo in acqua. Una volta immerso andrete a frizionare ogni zona ma concentrandovi sulle zone dove lo sporco si è addensato maggiormente.

Una volta eseguita l’insaponatura totale potrete lasciarlo in acqua a mollo per circa 20 minuti. Successivamente svuotate la vasca da bagno e risciacquate il vostro sacco a pelo alla perfezione. Questo passaggio è fondamentale perché il detersivo, se non rimosso dal sacco a pelo, potrebbe danneggiarlo ridicendone la sua azione isolante, quindi assicuratevi di rimuoverlo totalmente.

Una volta fatto ciò, potrete procedere alla strizzatura del sacco, servirà molta forza per farlo in modo da rimuovere quanta più acqua possibile. È consigliabile strizzarlo in due, girando le due estremità in senso opposto.

Per essere certi di averne rimossa abbastanza potreste lasciare il sacco a pelo in un posto sicuro a scolare l’acqua in eccesso e solo in un secondo momento stenderlo all’aria aperta lontano dal sole.


In entrambi i casi l’asciugatura richiederà più di un giorno, dipende ovviamente dalla stagione in cui ci troviamo in inverno può superare anche una settimana di tempo. D’estate in circa due giorni invece dovrebbe essere asciutto.


Come piegare il sacco a pelo

I sacchi a pelo, una volta asciugati, dovranno essere piegati e riposti nell’apposita custodia. Ecco cosa fare:

  • Prendete il sacco a pelo e posizionatelo sul letto distendendolo.
  • Allineatelo e piegatelo a metà verticalmente.
  • Procedete chiudendo la cerniera del sacco e poi piegatelo a metà per il lungo.
  • Assicuratevi che i bordi e gli angoli siano perfettamente allineati.
  • Arrotolate il sacco a pelo partendo dalla parte della testa e cercando di andare dritto. Durante questa fase esercitate pressione in modo da eliminare l’aria e ridurre lo spazio che andrà ad occupare.
  • Raggiunta l’estremità opposta e arrotolato tutto il sacco potrete infilarlo nell’apposita custodia e chiedere le cinghie di compressione (se presenti).

Un metodo alternativo è quello di infilare direttamente un’estremità del sacco della custodia e di spingere gradualmente il resto del sacco all’interno. Questa tecnica, che può sembrare più disordinata, ci permette di recuperare tempo e soprattutto di evitare che si creino spazi vuoti all’interno della sacca.

ATTENZIONE! I due metodi precedenti valgono per i sacchi a pelo sintetici o se dobbiamo piegare un sacco a pelo in piuma prima della partenza.

Se invece dovremo conservare il sacco in piuma per molto tempo l’ideale sarebbe trovare il modo di non comprimerlo e lasciarlo “aperto” coprendolo semplicemente con un telo o un lenzuolo leggero. La compressione prolungata potrebbe rovinare le piume riducendone le prestazioni.

Come lavare un sacco a pelo in piuma

Come piegare un sacco a pelo

La piegatura dei sacchi a pelo da fare all’esterno, ossia quando siamo in viaggio, non si distingue da quelle che abbiamo descritto nei precedenti paragrafi. Ricordiamo però l’importanza di trovare un luogo asciutto e pulito dove posizionare il sacco o optare per la seconda alternativa più pratica e rapida.

Come legare il sacco a pelo allo zaino

I sacchi a pelo più leggeri e piccoli possono essere infilati direttamente nello zaino andando così a proteggerli dalle intemperie.

Quelli molto grandi invece possono essere sistemati, fuori dalla loro custodia in uno spazio dedicato del vostro zaino, come lo scomparto inferiore. Toglierli dalla custodia dà la possibilità al sacco di riempire al meglio ogni angolo a disposizione ma lo lascia più esposto a possibili infiltrazioni di pioggia o all’umidità.

Potrebbe capitare di non avere spazio a disposizione all’interno dello zaino, quindi di essere costretti a legare il sacco a pelo all’esterno.

Per farlo non è necessario avere grandissima esperienza, una volta piegato il nostro sacco a pelo possiamo sfruttare i lacci esterni presenti nella parte bassa o alta del nostro zaino e legarlo con essi assicurandolo alle cinghie di compressione. Questo ci permetterà di trasportarlo senza fatica e senza fastidio. Assicuratevi che sia ben centrato e stabile.

Ricordate che anche il miglior sacco a pelo del mondo ha bisogno di un tappetino isolante per funzionare al meglio:

Come vestirsi nel sacco a pelo

Come già detto il sacco a pelo in piuma è un perfetto isolante termico quindi il consiglio è quello di cambiarvi gli indumenti prima di posizionarvi al suo interno. È consigliabile infatti indossare un pigiama oppure della biancheria comoda, non troppo pesante, traspirante e possibilmente in tessuto naturale.

Tenere addosso i vestiti che avete indossato tutto il giorno è poco funzionale ma anche poco igienico dal momento che non sapranno proprio di bucato.

Ovviamente per il cambio dovrete regolarvi anche in base alla stagione in cui prevedete di pernottare all’aperto, se sarete in estate non ci saranno grandi necessità ma in inverno un cambio troppo leggero potrebbe essere controproducente.

In inverno scegliete una biancheria comoda, calda ma non troppo. In estate invece optate per un cambio sempre comodo e leggero.

Un piccolo trucco è quello di posizionare i vestiti puliti, che intendete utilizzare il giorno seguente, direttamente nel sacco con voi durante la notte. Questo vi permetterà di svegliarvi con gli indumenti già caldi e potrete infilarli rimanendo parzialmente nel sacco.

 

Nico Colucci

Il cammino del Cretino

Condividi su
Quante volte, nell'ossessione disperata di cristallizzare un momento in una finta eternità, perdiamo l'occasione di viverlo.
dal libro Il cammino del cretino