Il fascino del Lago di Nemi, la fonte Tempesta e il sentiero degli Acquedotti


Acquista su


amazon


icona streetlibstreetlib

Il fascino del Lago di Nemi, la fonte Tempesta e il sentiero degli Acquedotti

Lago di Nemi, fonte Tempesta e il sentiero degli Acquedotti

  • Difficoltà: Turistica
  • Lunghezza: 11 km
  • Tempo stimato: 3 ore di cammino circa
  • Località: Genzano di Roma – Nemi
  • Guadagno di altitudine: +516 m
  • Perdita di altitudine: -516 m
  • Altitudine minima: +469 m
  • Altitudine massima: +611 m
  • Punti di interesse: Genzano di Roma – Fontana Tempesta – Nemi – Sentiero degli acquedotti

tempFileForShare 20230326 193126

Hai voglia di staccare dalla routine ed immergerti nel verde per un giorno?

Ti piace il trekking ma non hai la possibilità di percorrere lunghi cammini?

Vuoi fare dei test e prepararti alla tua prossima traversata? 

ONE DAY OUT

Escursioni giornaliere


Lago di Nemi, la fonte Tempesta e il sentiero degli Acquedotti

Camminatori! Oggi vi portiamo in una delle località più famose del Lazio, Nemi con il suo lago e li scopriremo da un punto di vista differente! Percorreremo un tratto della via Francigena, ci imbatteremo in una fonte ricca di leggende e torneremo attraverso un sentiero aventuroso!

Il percorso ad anello è stato tracciato da Nico Colucci.

Come arrivare a Genzano di Roma

La cittadina di Genzano di Roma è raggiungibile dalla capitale con i mezzi, vi basterà prendere un treno fino a Albano Laziale e poi un autobus che vi porterà sul posto in una decina di minuti. Consultate gli orari di partenza sul sito di Trenitalia.

Se invece avete mezzi propri sappiate che Genzano di Roma dista soltanto 30km dal centro della città. Se vivete in zona Roma est vi basteranno 10 – 15 minuti per raggiungerla. 

Trekking verso la fonte Tempesta

Una volta lasciata la cittadina alle vostre spalle, imboccherete il sentiero 512, un tracciato molto battuto anche da bikers, quindi state attenti soprattutto in discesa perché potrebbero sfrecciarvi accanto. Il lago non sarà ancora del tutto visibile tranne che da alcune terrazze fuori sentiero. 

La prima parte potrebbe essere un po’ noiosa ma approfittatene per riscaldarvi. Avvicinandovi alla Fontana Tempesta vi immergerete in un boschetto molto rigoglioso e che proietta ombre perfette per le vostre foto.

Secondo la leggenda, la Fonte Tempesta di Nemi è il luogo in cui il leggendario re di Roma, Numa Pompilio, incontrò la ninfa Egeria. Si narra che Egeria, una divinità delle acque, fosse la consigliera di Numa Pompilio e che i due si incontrassero regolarmente nella grotta vicino alla fontana per discutere di questioni politiche e religiose.

La grotta di Egeria si trovava nelle vicinanze della Fonte Tempesta e si dice che la fontana fosse il luogo in cui la ninfa si bagnava e si rinfrescava durante le sue visite al re. La leggenda narra anche che la fontana era considerata sacra e che veniva utilizzata per celebrare i riti religiosi dedicati a Egeria.

Altra leggenda popolare dice che le acque della fonte fossero in grado di curare la licantropia. Ancora oggi, la Fonte Tempesta di Nemi è un luogo di grande fascino e suggestione, avvolta nella leggenda e nella magia delle storie antiche.

Fonte Egeria Fontana della Tempesta

Trekking lungo il Sentiero degli Acquedotti

Fermatevi per una breve sosta a Nemi, una piccola cittadina nel cuore dei Castelli Romani, è conosciuta in tutto il mondo come la città delle fragole. Grazie al clima temperato della zona, alle fertili colline e alla cura dei coltivatori locali, le fragole di Nemi sono considerate tra le migliori al mondo. Godetevi il panorama dalla terrazza degli innamorati e ripartite per la via del ritorno!

Il Sentiero degli Acquedotti di Nemi, un’esperienza di trekking immersiva nella natura e nella storia romana. Sulle tracce degli antichi acquedotti romani, tra panorami mozzafiato del Lago di Nemi e delle colline circostanti, attraverserete una foresta lussureggiante che offre un’esplosione di colori e suoni naturali.

Il sentiero è adatto a tutti i livelli di esperienza, non è necessario avere attrezzature particolari, potremmo definirlo turistico. Alcuni passaggi fra le rocce sono però abbastanza striminziti quindi è sconsigliato per persone di stazza “importante”. Perfetto per bambini e ragazzi, potrebbe diventare per loro un’esperienza immersiva e divertente allo stesso tempo. 

Indossa le tue scarpe da trekking e porta con te una bottiglia d’acqua e qualche snack per goderti appieno questa avventura.

Se avete dubbi sul percorso potete scaricare la traccia GPS a fondo pagina.


Per vedere il percorso nello stile del Cretino, ecco il video della nostra esperienza:


Se hai dubbi sull’equipaggiamento visita il nostro canale, troverai consigli confronti e molto altro:


Traccia GPS

Ecco la traccia del percorso integrale

Se non hai molta dimestichezza con le tracce GPX e vorresti sapere come visualizzarle, ti consigliamo questo video sul nostro canale Youtube:

Condividi su

POTREBBERO INTERESSARTI

logo il cammino del cretino
Siamo così abituati all’autosufficienza, l'abbiamo così tanto assimilata a un esasperato individualismo, da aver dimenticato la bellezza della condivisione.
dal libro Il cammino del cretino

[iub-pp-button]